Attenzione a Megasesso! Ecco le tristi storie di…

Prima di addentrarci nel succo del discorso diciamo subito che il sintesi qui parleremo di quella che è la prono dipendenza e di tutti i problemi che essa comporta.

Riceviamo infatti giornalmente decine di email da parte di persone che credono di soffrire di tale problema, che sono in cura proprio per questo problema… che ne sono uscito o anche da parte dei famigliari di queste persone. E’ d’obbligo precisare che il nome megasesso viene qui utilizzato solo per presentare una categoria di siti e non è nostra intenzione scagliarci nello specifico contro alcun sito porno quanto piuttosto contro il potno in generale.

Premesso ciò eccovi una breve sintesi di quelle che sono le 3 email più toccanti del giorno.

L’email numero uno proviene da Melissa una signora di 42 anni con un figlio di 22 che è entrato nell’universo del porno online e nel giro di pochi mesi ne è stato travolto. Il suo sito preferito era Megasesso e dopo che la ragazza l’ha abbandonato perchè lui non dimostrava più interesse sessuale per lei (ebbene si questa è una delle problematiche legate al porno online) è caduto in uan fortissima depressione ed è ancora oggi in terapia nel tentativo di uscirne. Ovviamente Melissa è disperata per il figlio.

L’email numero due parla invece di marco che ha perso il posto di lavoro perchè beccato a guardarsi dei filmati porno su mega sesso proprio mentre era in ufficio.

L’email numero 3 è di Nicola che da quanto ha iniziato col porno online non riesce più a concentrarsi e non da un esame all’università da circa un anno… al punto che i suoi genitori l’hanno obbligato ad andare in terapia per cominciare un percorso di ddisintossicazione.

Queste sono solo alcune delle email che mi sono arrivate oggi ma tenete presente che ne arrivano davvero tante ogni giorno e questo testimonia come il problema legato al porno online e a siti come mega sesso sia concreto e da non sottovalutare assolutamente… quindi sempre in guardia!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *